Progetto GenoBioma A.I. COVID 19

Identificazione di soggetti a rischio di complicanze C-V e polmonari

Fase 1: Importante contributo della ricerca nella lotta al Covid 19

Un gruppo di ricerca multidisciplinare coordinato dal Prof. G.F.Tarro ha individuato i primi polimorfismi genetici che sono alla base della violenta reazione infiammatoria che si scatena a seguito della polmonite interstiziale da Covid 19, ed è dimostrato in questa tempesta infiammatoria un comune denominatore nelle alterazioni del metabolismo ossidativo cellulare. Tale processo contribuisce a generare un'alterazione funzionale della fosforilazione ossidativa con una grave ripercussione sull'equilibrio redox e danno delle membrane. Ciò potrebbe spiegare come la malattia respiratoria atipica si trasformi in una malattia multiorgano sistemica.

Il risultato è stato raggiunto grazie alla geniale intuizione del Prof. Giulio F. Tarro, Virologo, che ha ipotizzato come alcuni polimorfismi noti come concausa di danno metabolico, stress elettrofilo, danno alle membrane mitocondriali e cellulari da metalli pesanti, fossero egualmente implicati nella patogenesi da Covid-19, favorendone la replicazione e la virulenza.

È stato pertanto costituito un gruppo interdisciplinare che comprende genetisti del Progetto Genobioma, Progetto Genobioma aps (esperti nel sequenziamento totale del genoma), l'Unità di Ricerca in Tecnologia medica del Parco Scientifico-Tecnologico dell'Università di Bari, La Fondazione DD Clinic di Caserta, nella lotta alle patologie da inquinanti ambientali e con il supporto dell'Intelligenza Artificiale.